Fiore di Bach Mustard

 Senape

 Sinapis Arvensis

“Coloro che sono soggetti a periodi di malinconia o anche disperazione come se una scura fredda nube li avvolga e nasconda la luce e la gioia di vivere.
Può non essere possibile dare una ragione o spiegazione per tali attacchi.
In queste condizioni è quasi impossibile apparire felici o allegri.”

– Indicazione di Edward Bach

“È uno di quei giorni che ti prende la malinconia che fino a sera non ti lascia più”

– Dalla canzone “Domani è un altro giorno” di Giorgio Calabrese e interpretata da Ornella Vanoni.

Caratteristiche della persona che si giova di Mustard

Mustard è individuato da Edward Bach nell’estate del 1935.
È una pianta dai fiori gialli che può proliferare nei campi coltivati a cereali.
La senape selvatica, Sinapis arvensis, è una pianta infestante che cresce nei terreni smossi, ad esempio nei campi di grano vuoti, dopo l’aratura. Si diffonde rapidamente e imprevedibilmente, come repentinamente uno stato di profonda e inspiegabile malinconia può avvolgere una persona.
Fa parte del gruppo dei rimedi per coloro che non sentono sufficiente interesse per il presente.

Caratteristiche della persona che si giova di Mustard

Le parole chiave da tener presenti sono la malinconia e la disperazione. È come se dalla propria anima fosse scomparso il sole; la realtà pur apparendo normalmente colorata, è percepita nell’intimo in tonalità grigia. D’altra parte, nella relazione con i pazienti, anche il terapeuta ha la possibilità di percepire, la diversità di “luce” apportata da ognuno di loro. Con alcuni si ha la percezione di una presenza luminosa altri, invece, apportano grigiore e caligine nella stanza. In questo caso occorre pensare a Mustard e, se si è suffragati dal racconto del paziente e dal resto della comunicazione non verbale, prescriverlo.
Occorre pensare a Mustard nel caso di persone che vivono molte ore al giorno in locali mal illuminati e sottoposti a perturbazioni elettromagnetiche, derivanti da strumentazioni e cavi.
Dice Bach di Mustard “Può non essere possibile dare una ragione o spiegazione per tali attacchi”; questo passaggio è un punto di riferimento importante per prescriverlo. Occorre aggiungere che la Psicologia Dinamica, a partire da Sigmund Freud, teorizza attività psichiche inconsce che, essendo potenzialmente conflittuali costituiscono ragioni profonde di nostri stati d’animo come malinconia e disperazione apparentemente immotivati.
In altri casi è molto più semplice andare oltre le apparenze per intuire correlazioni tra questi stati d’animo e altre evenienze: ad esempio, perturbazioni di tipo meteorologico provocano quadri sintomatologici per cui è opportuno prescrivere Mustard; ciò vale anche per quei vissuti penosi correlabili con i periodi premestruali e mestruali.
Mustard è anche un rimedio per quelle persone che in concomitanza delle feste significative si immalinconiscono; ciò avviene perché queste occasioni portano a confrontarsi, in un modo o nell’altro, con le proprie condizioni esistenziali.

Mustard nella relazione terapeuta-paziente

Quando il terapeuta si rende conto (al di là dei suoi aspetti costituzionali e delle sue problematiche specifiche) che la sua eventuale, stanchezza e/o il disagio (dopo una giornata di lavoro) è da mettere in relazione anche al fatto che ha visitato persone in stato Mustard è bene che egli stesso assuma questo rimedio assieme a Crab Apple (che ha un effetto di bonifica emotiva) e a Rescue Remedy che è l’armonizzatore universale.

Differenze ed associazioni con altri rimedi

Mustard sulla base delle sue caratteristiche deve essere principalmente differenziato da Sweet Chestnut utile in caso di “Angoscia tanto grande da sembrare insopportabile”, da Elm relativo a “Periodi di depressione quando si sente che l’impresa in cui ci si è impegnati è troppo difficile al di là del potere dell’essere umano”, da Gentian per “scoraggiamento, dubbio, demoralizzazione”, da Gorse per la “Grande disperazione” (per esempio a causa di uno stato di malattia) ed infine da Wild Rose per “Rassegnazione, rinuncia alla lotta per la vita”.

Armonizzazione dello stato Mustard

L’armonizzazione si attua solitamente, prima nella diminuzione di intensità e frequenza delle crisi tipiche dello stato Mustard, e, poi, nella loro scomparsa. Per ottenere ciò, è essenziale che, da una parte, si apporti maggiore luminosità nell’esistenza del paziente, dall’altra si sciolgano le condizioni inconsce responsabili delle ondate di grigio malessere.

Caso Clinico

Giovanna è una donna di 38 anni che si presenta con un aspetto dimesso, stanco, grigio e sciatto.
Svolge l’attività di commessa in una tabaccheria. Il suo lavoro non le è mai piaciuto; da almeno due anni le risulta addirittura insopportabile e da quando ha avvertito ciò che lei denomina un generale crollo dell’energia.
In concomitanza di ciò le si è aggravata la sindrome premestruale; questa si manifesta soprattutto con una sintomatologia emotiva, caratterizzata da una sensazione di cupezza malinconica molto forte e da un senso fortissimo d’irritazione che si manifesta soprattutto nella relazione con i clienti della tabaccheria.
In quelle giornate ha la sensazione (che razionalmente considera assurda) che qualche cliente sadicamente diventi più esigente e pignolo quasi, come se, intuendo le sue difficoltà, si accanisse tormentandola.
La paziente, dopo il primo colloquio, decide d’intraprendere un percorso di counseling clinico floriterapeutico. Durante questa terapia, che dura circa 9 mesi in cui la paziente effettuerà 20 colloqui, le saranno prescritte in varie combinazioni e sequenze i floriterapici, Mustard, Holly, Willow, Gentian, Hornbeam, Rescue Remedy. La floriterapia è integrata e sinergizzata con supplementi alimentari (a base di Minerali, Oligoelementi, Vitamine, Amminoacidi essenziali), omotossicologici drenanti e medicamenti a bassi dosaggi agenti per una regolazione fisiologica della rete PsicoNeuroEndocrinoImmonologica.
La paziente, alla fine della terapia, riferisce un recupero di forza, di ottimismo e serenità. Giovanna appare più luminosa, più responsabile e assertiva rispetto alla sua esistenza.

Dott. Michele Iannelli
Medico psicoterapeuta, specialista in psicologia clinica, omeopata e floriterapeuta.
Membro della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee.

Via Pozzuoli 7  Studio interno B3 - 00182 ROMA (Metro San Giovanni) Telefono 3386151031 - Email: olopsi@libero.it

FLORITERAPIA DI BACH: MUSTARD ultima modifica: 2019-10-16T09:14:02+01:00 da Dott Michele Iannelli
Shares
Share This