Dormire bene

La correlazione tra cefalee e disturbi del sonno è un dato evidente e confermato dalle osservazioni cliniche e dalla ricerca.
I disturbi del sonno sono da considerarsi sia come concause che come conseguenze di quella penosa, possente e multiforme realtà che è il mal di testa. Spesso, a loro volta, i disturbi del sonno sono a loro volta strettamente correlati a stati di ansia patologica; possiamo dunque affermare che in molti casi di cefalea soprattutto nelle forme primarie mal di testa, ansia e insonnia costituiscono una triade funesta che si autoalimenta.

Terapie naturali e olistiche nella cura del mal di testa

Un intervento curativo naturale e olistico sulla persona affetta da mal di testa si avvale di un insieme coordinato di discipline terapeutiche.
 Esse, se applicate nel modo dovuto, sono caratterizzate da completezza (grazie a un intervento globale su tutti gli aspetti dell’essere umano) e da sinergia.
Si avvale di un insieme coordinato di discipline terapeutiche:
Fitoterapia, Omeopatia Omotossicologica, Terapia Fisiologica di Regolazione, Counseling con i Fiori di Bach, Nutraceutica, Psicoprobiotica, Trattamenti Manuali Riflessologici. Le terapie e le pratiche salutistiche qui proposte non vogliono sostituire il ruolo della farmacologia di sintesi ove necessaria, ma hanno il senso di una integrazione priva di effetti collaterali negativi e di controindicazioni; ciò al fine di dare un’importante contributo curativo e risolutivo e al fine di evitare la grottesca e beffarda eventualità (sempre più frequente) di Cefalee che si aggravano e si cronicizzano a causa di un abuso di farmaci di sintesi assunti per la terapia della cefalea stessa e/o di altre patologie.
In questo articolo esamineremo un nutraceutico-fitoterapico che offre la possibilità di gestire, efficacemente e naturalmente, l’insonnia nella ambito di una cura globale e naturale del mal di testa.

Che cosa è la Nutraceutica e la Fitoterapia?

Le sostanze nutraceutiche, derivate dalle piante, dagli alimenti e da fonti microbiche sono basilari per la salutogenesi, la prevenzione e la cura. Esempi di nutraceutici sono gli aminoacidi essenziali, le vitamine, i minerali, gli oligoelementi, gli acidi grassi polinsaturi, gli antiossidanti, i probiotici e i prebiotici e i complessi enzimatici.
 La Fitoterapia è un sistema terapeutico che utilizza piante ed erbe per curare.
 Rispetto a un farmaco di sintesi, il fitoterapico si distingue poiché non agisce con molecole singole ma con un fitocomplesso naturale; ciò determina due importanti vantaggi: un’azione che risente positivamente della complementarietà e del reciproco potenziamento dei singoli costituenti e un effetto più dolce in quanto più rispettoso della biologia della persona e, quindi, non intossicante.

Il rimedio nutraceutico-fitoterapico per favorire il sonno

Il rimedio in oggetto è composto da L-Teanina un aminoacido estratto dal tè verde, da Giuggiolo, da Magnolia e da Melatonina.

L-TEANINA
La L-Teanina è il principale amminoacido che si ritrova unicamente nelle piante da tè, in particolare nel tè verde. La L-Teanina agisce come neurotrasmettitore stimolando la produzione e l’attività delle onde cerebrali di tipo alfa, utile per promuovere il rilassamento, combattere ansia e insonnia. La generazione di onde cerebrali di tipo alfa è considerata essere indice di rilassamento.

GIUGGIOLO
Il Giuggiolo (Ziziphus jujuba) è una pianta appartenente alla famiglia delle Rhamnaceae, originaria della Cina meridionale e dell’Asia centrale. Studi scientifici effettuati negli anni 80-90 hanno confermato le proprietà miorilassanti, ansiolitiche, ipnoinducenti del Giuggiolo, sia utilizzato da solo, sia in associazione con altre piante. Sono state messe in evidenza anche proprietà antiossidanti, anti-aritmiche e protettive cardiovascolari; un’assunzione prolungata riduce il colesterolo LDL e i trigliceridi, migliorando la funzione cardiocircolatoria. L’estratto dei semi viene utilizzato soprattutto per il trattamento di ansia, insonnia, frequenti risvegli notturni, incubi, irritabilità, agitazione, iperattività, palpitazioni.

MAGNOLIA
La Magnolia Officinalis è un albero appartenente alla famiglia delle Magnoliacee. L’uso dell’estratto della corteccia di magnolia standardizzato, può essere un metodo efficace per il controllo degli effetti ansiogeni legati allo stress, senza che si manifestino gli effetti sedativi tipici dei preparati a base di benzodiazepine.

MELATONINA
La Melatonina fisiologicamente prodotta nell’organismo è coinvolta nei fisiologici processi del ritmo circadiano. L’assunzione di 1 mg di melatonina poco prima di coricarsi contribuisce alla riduzione del tempo richiesto per prendere sonno. Inoltre la melatonina, se assunta un minimo di 0,5 mg il primo giorno di viaggio e per alcuni giorni dopo l’arrivo a destinazione, contribuisce ad alleviare gli effetti del jet lag.

N.B. Questo composto nutraceutico-fitoterapico si associa molto bene con un composto floriterapeutico che agisce a un livello più psico-emozionale che neurologico: Rescue Night.

Dott. Michele Iannelli
Medico psicoterapeuta, specialista in psicologia clinica, omeopata e floriterapeuta.
Membro della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee.

Via Pozzuoli 7  Studio interno B3 - 00182 ROMA (Metro San Giovanni) Telefono 3386151031 - Email: olopsi@libero.it

MAL DI TESTA E INSONNIA: UN RIMEDIO NATURALE ultima modifica: 2019-07-03T10:45:20+01:00 da Dott Michele Iannelli
Shares
Share This