I Fitoterapici sono dotati di un tropismo più o meno accentuato, cioè della tendenza a localizzarsi e accumularsi prevalentemente in un organo o in un apparato o in un tessuto; ciò fa si che sia possibile utilizzare molte piante ed erbe dotate di specifiche azioni curative che riguardano l’ambito psicologico: adattogene, antiasteniche, spasmolitiche, ansiolitiche, antidepressive, antidisforiche, depurative, immunostimolanti. Moltissime altre piante ed erbe, grazie al loro tropismo relativo a organi e apparati, sono molto utili anche in quelle situazioni più connotate da aspetti psicosomatici e/o somatopsichici.

La Fitoterapia offre, dunque, grazie alle sue diversificate e specifiche azioni curative, un importante contributo nella Psicoterapia Olistica e nel Counseling Olistico soprattutto quando c’è il bisogno di intervenire in modo più incisivo e subitaneo per determinare l’attenuazione e, poi, la scomparsa della sintomatologia e per promuovere processi di depurazione e disintossicazione.

Le tre piante adattogene più conosciute, studiate e utilizzate in Italia: Rhodiola Rosea, Ginseng e Eleuterococco.

Le piante adattogene sono quelle in grado di aumentare la resistenza e la resilienza dell’organismo a stressor di varia natura: fisici e/o psichici.
Significa che sono utili per affrontare periodi di stress intenso, come quelli dovuti al super lavoro, alla preparazione di un esame, a questioni esistenziali. Agiscono, infatti, migliorando le funzioni metaboliche e cognitive e modulando gli aspetti emotivi.

Il termine adattogeno è stato coniato per la prima volta nel 1975 dall’Istituto Erboristico Svedese, in seguito ad alcuni studi sulle proprietà della Rodiola Rosea nei confronti dello stress.

La rhodiola roseaRhodiola Rosea: Rhodiola rosea è una pianta perenne che appartiene alla Famiglia delle Crassulaceae e cresce spontaneamente ad elevate altitudini nelle montagne del Nord Europa, dell’Asia e del Nord America.
 Deve il suo nome alla profumazione dei suoi fiori gialli-rossastri; è una pianta robusta, con radici carnose, resistente alle temperature rigide, che può arrivare a 75 cm di altezza. Ne viene utilizzata la radice, nella quale sono presenti i più importanti principi attivi. L’estratto delle radici di Rhodiola rosea contiene i rosavins (rosavin, rosarin) e il salidroside, glicosidi composti scoperti dallo scienziato russo Nicolai Lazarev e responsabili dell’attività terapeutica della pianta.

L’estratto agisce sulla produzione di serotonina, la cui azione si esplica sul controllo dell’appetito, sonno, memoria, comportamento, umore, funzionalità cardio-vascolare e capacità d’apprendimento. Accresce, inoltre, la resistenza alla fatica, grazie all’aumento del sub-strato (acidi grassi) necessario per la produzione di ATP, che garantisce un apporto di energia adeguato al fabbisogno muscolare durante esercizi fisici intensi e prolungati con conseguente miglioramento delle prestazioni e aumento della resistenza alla fatica. In Italia è presente un preparato in compresse a base di Rhodiola rosea registrato come FARMACO vegetale di uso tradizionale. Questo status garantisce a questo estratto, come ad altri estratti vegetali, qualità, sicurezza e un’indicazione terapeutica precisa: sollievo dei sintomi associati a stress quali fatica, esaurimento, lievi stati d’ansia. È anche in commercio un prodotto in cui la Rodiola Rosea è associata con l’Alga Klamath.

Ginseng: molto usata in Medicina Tradizionale Cinese; il prodotto erboristico è ricavato dalle radici; ha una tradizione millenaria con numerosi impieghi terapeutici. Il nome ginseng deriva dalla parola cinese “rensheng” che significa uomo, che evidenzia la configurazione antropomorfa della radice. Considerato un rimedio quasi universale, il ginseng veniva usato soprattutto per modulare e ritardare l’invecchiamento, per curare i disturbi gastrointestinali e come fitoterapico erotizzante e rivitalizzante.
La straordinaria fama di radice panacea e la sua accattivante origine orientale hanno contribuito a determinare il suo successo in Italia e in Europa. Gli estratti di ginseng sono presenti Italia in numerosi integratori alimentari e in medicinali omotossicologici, in gran parte destinati a persone convalescenti, sportivi e anziani.

Eleuterococco: l’Eleuterococco è un fitoterapico ricavato da una pianta molto simile al Ginseng con indicazioni simili a esso; l’Eleuterococco, infatti, ne ha le stesse proprietà ma agisce in maniera più moderata e adeguata alla natura femminile. Si tratta di una pianta erbacea perenne, denominata anche ginseng siberiano, è coltivata ad alte latitudini. Presenta un insieme di principi attivi molto ricco e diversificato.

Dott. Michele Iannelli
Medico psicoterapeuta, specialista in psicologia clinica, omeopata e floriterapeuta.
Via Pozzuoli 7  Studio interno B3 - 00182 ROMA (Metro San Giovanni) Telefono 3386151031 - Email: olopsi@libero.it

FITOTERAPIA ADATTOGENA NEL COUNSELING E NELLA PSICOTERAPIA OLISTICA ultima modifica: 2018-10-18T10:41:12+00:00 da Dott Michele Iannelli
Shares
Share This