“LA NEURORIFLESSOTERAPIA PERSONALIZZATA CURA, PRESTO E BENE, MOLTISSIME “MALATTIE”!”

– Dott. Michele Iannelli

Mi chiamo MICHELE IANNELLI, sono un Medico, specialista in Psicologia Clinica, Psicoterapeuta, Omeopata, Floriterapeuta e membro della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee; esercito a Roma in zona San Giovanni.
Interpreto la mia professione come un impegno indirizzato al reale miglioramento della “qualità della vita” delle persone; da decenni, opero per la trasmissione della mia conoscenza ed esperienza ai colleghi, attraverso corsi e congressi; sono molto attivo nella divulgazione della scienza della salute mediante conferenze, libri e articoli.
In questa sede mi sono posto l’obiettivo di fare da guida alla scoperta della straordinaria ed efficacissima metodologia clinica da me applicata: la NEURORIFLESSOTERAPIA PERSONALIZZATA.
Questa pratica medica mi permette di curare i pazienti in modo veramente globale ed estremamente personalizzato; intervengo, infatti, sull’intero circuito psiconeuro-somatico/somato-neuropsichico dell’essere umano; è questo il motivo fondamentale per cui posso affermare che « LA NEURORIFLESSOTERAPIA PERSONALIZZATA CURA, PRESTO E BENE, MOLTISSIME “MALATTIE”! »

Stati Patologici curati con la Neuroriflessoterapia Personalizzata

  • MAL DI TESTA:

CEFALEE PRIMARIE: Emicrania, Cefalea di tipo tensivo, Cefalea a grappolo e altre Cefalee autonomico-trigeminali

CEFALEE SECONDARIE: Cefalea da Sinusite, di origine Cervicale, Mestruale, da Abuso di Farmaci, Psicogena etc.

  • DISAGI ESISTENZIALI, PSICOLOGICI E MENTALIInsonnia, Ansia, Depressione, Attacchi di Panico, Stress, Difficoltà Relazionali, Stanchezza Cronica, Indebolimento della Memoria, Disturbi Ossessivo-Compulsivi, della Personalità e del Comportamento Alimentare etc.

 

  • PATOLOGIE SOMATOPSICHICHE/PSICOSOMATICHE:

PATOLOGIE OSTEO-MUSCOLO-ARTICOLARI: Lombosciatalgie, Mal di schiena, Artrosi, Fibromialgia etc.
SOMATIZZAZIONI ORGANO-VISCERALI: Disturbi della Menopausa, Ipertensione, Malattie dell’Apparato Gastroenterico e Respiratorio, Sindromi Mestruali, Disfunzioni Endocrinologiche, Patologie Autoimmunitarie e Allergiche, Ristagni Sanguinei e Linfatici, Cellulite, Etc.

  • Questa Metodologia Globale è, inoltre, utilissima per l’incremento della vitalità, delle capacità intellettive, della creatività e dell’autostima.

Perché la Neuroriflessoterapia personalizzata cura, presto e bene, tante “malattie”?

Offro immediatamente una risposta sintetica, ma esaustiva, a questa domanda. 
La NeuroRiflessoTerapia cura presto, bene e tanto perché è in grado di ripristinare, durevolmente, l’attivazione e l’equilibrio in ciò che è destabilizzato e, quindi, disfunzionale; lo fa in modo profondo, globale, personalizzato, biopsico/logico, innocuo e valutabile scientificamente. Questa cura, risolvendo così le cause vere della sofferenza, può far sciogliere, come neve al sole, tutti i sintomi; essi, infatti, non sono altro che l’espressione di un insieme correlato di alterazioni in atto.
Non ci si deve, perciò, sorprendere se la NeuroRiflessoTerapia abbia, come si è già detto, un’azione curativa molto ampia che riguarda numerose affezioni.
Non ci si deve meravigliare se la NeuroRiflessoTerapia cura presto e bene; si conseguono, infatti, notevoli e documentati successi in sole dieci sedute, precedute da una prima visita; la cadenza degli incontri è generalmente settimanale!
Ora, attraverso la spiegazione e il commento di alcuni concetti chiave, si comprenderà, in maniera più analitica, come e perché ciò avviene.

Che cosa è la Neuroriflessoterapia Personalizzata

La NeuroRiflessoTerapia personalizzata, detta anche Medicina dei Punti Dolorosi, presenta una peculiarità che la rende straordinariamente originale ed efficace rispetto alle altre cure riflessologiche e mediche.
 Essa, infatti, parte da un presupposto comprovato: qualsiasi persona, sulla base di domande ben poste da parte del terapeuta, è in grado di indicare intuitivamente, con la mano, le principali zone in cui avverte la localizzazione delle sensazioni disturbanti.
La Medicina dei Punti Dolorosi ha, dunque, come fattore nodale una prassi per cui il paziente viene invitato dal medico a indicare, istintivamente, la zona cutanea dove percepisce ciò che contraddistingue la sua sofferenza; illustriamo alcuni casi: una sensazione fastidiosa (per esempio, come se fosse presente un corpo estraneo), uno stato d’animo penoso (per esempio, l’angoscia), una disfunzione della normale fisiologia (per esempio, la sensazione di uno sgradevole rallentamento della digestione), una condizione esistenziale penalizzante (per esempio, un costante senso di inadeguatezza), un dolore chiaramente percepito (per esempio, un mal di testa costrittivo e persistente) etc.
In queste zone, indicate dal paziente, il medico, attraverso manovre manuali, definisce, poi, i Punti Dolorosi da trattare con stimoli riflessogeni meccanici e/o fisici e/o biochimici.
La NeuroRiflessoTerapia, dunque, non basandosi su mappe precostituite, ma su l’indicazione diretta della persona, si distingue, sia per una semplificazione considerevole, sia per una personalizzazione notevolissima: questo requisito è la prima carta vincente del suo successo!

La centralità concettuale e operativa dei Punti Dolorosi

I Punti Dolorosi, nella NeuroRiflessoTerapia Personalizzata, sono da concepire come preziosi indicatori che segnalano uno squilibrio patologico riguardante settori del nostro organismo. Essi non sono nemici da sopprimere, ma segnali da individuare e trattare. 
Il Punto Doloroso può essere paragonato, metaforicamente, a un terminal di un’autostrada (neurologica e bioenergetica) a due direzioni che, avvalendosi di vari svincoli, conduce anche a percorsi secondari e/o a intersezioni con importanti crocevia.
Un senso di marcia va dai settori interiori sofferenti alla cute e ai corrispondenti tessuti sottocutanei. Queste zone si infiammano e si indolenziscono; si attua così la possibilità di riflettere (da cui il nome Riflessologia) sulla superficie del corpo una sorta di fotografia segnaletica (il Punto Doloroso) che svolge il compito di mettere in luce il malessere interno.
Fortunatamente, il Punto Doloroso è anche la porta d’ingresso per la soluzione del problema; l’altra corsia, che va in direzione opposta (dalla superficie cutanea ai settori interni in sofferenza), può, infatti, veicolare stimoli capaci di rendere operante una potente reazione auto curativa; essa consiste in buona sostanza in un rilascio di molecole biochimiche e in un riassestamento bioenergetico da parte del paziente stesso; in quanto autoprodotta si tratta, dunque, di una terapia innanzitutto innocua ma anche specifica e, quindi, fortemente personalizzata.

La Neuroriflessoterapia Personalizzata svolge una funzione diagnostica rivelando Punti Dolorosi non percepiti

E’ suggestivo, inoltre, sottolineare che molte volte i Punti Dolorosi non sono percepiti dal paziente; egli, però, riesce sempre a indicarne la zona di localizzazione; essi sono poi individuati in fase di definizione da parte del medico; sorprendentemente, spesso, rivelano, solo a seguito delle manovre di definizione del medico, una dolorabilità intensissima e una estensione insospettabile.
Per questa ragione, sono da considerare elementi di ciò che in psicoterapia viene denominato preconscio e inconscio. Quest’ultima considerazione ci permette di comprendere e apprezzare uno dei tanti pregi della NeuroRiflessoTerapia personalizzata dei Punti Dolorosi: la capacità di fare emergere alla consapevolezza della coppia Terapeuta-Paziente una zonula dolente; essa è cruciale sia perché ci indica la presenza di una più o meno rilevante disfunzione sia perchè attraverso essa si può attivare una reazione terapeutica intensa, consapevole, mirata, globale e, quindi, incisiva.

Stimoli Riflessogeni sui Punti Dolorosi Cutanei

Per innescare questo processo terapeutico c’è bisogno, dunque, di stimolare i Punti Dolorosi cutanei attraverso input riflessogeni di vario tipo.
Vediamo quelli da me principalmente usati.

  • Innanzitutto procuro una Neuro Stimolazione Interattiva attraverso lo straordinario dispositivo denominato ElectroNeuroFeedback. Si tratta di un gioiello dell’industria medicale italiana derivante dalla ricerca della Medicina Spaziale Russa; l’apparecchio, infatti, in origine, era stato ideato per fornire un supporto terapeutico ai Cosmonauti durante le loro missioni.
    Dotato di numerosi programmi, genera impulsi elettrici fisiologici che si modificano continuamente e in tempo reale sulla base dei cambiamenti che rilevano sulla cute in corrispondenza dei Punti Dolorosi; uno strumento che perciò produce un’ulteriore individualizzazione in una terapia già altamente personalizzata.
  • Il Soft Laser, strumento tanto delicato, innocuo e indolore quanto efficace.
  • Le manovre manuali  tipiche del Massaggio come lo Sfioramento, la Digitopressione, la Percussione, lo Scollamento etc.; mai rinunciare al potere sapiente e terapeutico delle mani!
  • L’Omeomesoterapia: è una tecnica medica di inoculazione di rimedi Omeopatici Omotossicologici; essa è un procedimento specifico ed evoluto della mesoterapia. L’Omeomesoterapia consiste nell’iniezione intradermica di medicinali naturali; essa è praticata tramite appositi e sottili aghi che possono avere lunghezze diverse, generalmente 4 o 6 mm.
  • Infissione di sottili aghi monouso e dell’ago d’oro riscaldato; questa metodologia e l’Omeomesoterapia sono praticate solo se accettate dal paziente e mai effettuate in caso di idiosincrasia della persona nei confronti degli aghi.
  • La Coppettazione:  ha origini antichissime, è stata ed è esercitata in vari luoghi, civiltà ed epoche. E’ una pratica terapeutica che consiste nel porre sulla pelle una o più coppette dalle quali viene aspirata l’aria al fine di creare uno stato di vuoto al loro interno. Si realizzano così le condizioni affinché si attui un risucchio della zona cutanea coinvolta e di una parte dei tessuti molli a essa sottostante: la sua azione riflessogena produce rilevanti benefici, locali e generali, per la salute della persona.

Perché la Neuroriflessoterapia Personalizzata agisce così velocemente?

La NeuroRiflessoTerapia ottiene risultati molto apprezzabili già in dieci sedute, precedute da una prima visita medica; perché agisce in tempi così brevi?
Riassumiamo qui i principali motivi: è una terapia personalizzata in quanto è il paziente stesso a indicare la zona in cui si trovano i punti dolorosi su cui agire; si utilizzano contemporaneamente varie tecniche riflessogene; gli stimoli raggiungono in tempo reale il cervello e le altre strutture del corpo; subito si mette in atto un’autoproduzione di molecole fisiologiche e di un riassestamento bioenergetico naturale ed è, perciò, priva di qualsiasi controindicazione ed effetto collaterale negativo; La NeuroRiflessoTerapia è, inoltre, come vedremo non solo compatibile ma anche sinergica con il Counseling Floriterapeutico e altre terapie naturali
Occorre, per di più, evidenziare che i Punti Dolorosi, si trovano sempre in uno stato di forte fermento in quanto infiammati; ciò fa si che agire su essi, non solo ha il pregio di una notevole personalizzazione della terapia, ma, anche, il vantaggio di stimolare una zona già di per sé molto vivace e sensibile in quanto flogistica: è anche per questo che si determina una risposta più veloce, lampante e forte.

Valore aggiunto alla Neuroriflessoterapia grazie alla sinergia con il Counseling Floriterapeutico e altre terapie naturali.

La capacità della NeuroRiflessoTerapia Personalizzata dei Punti Dolorosi di essere efficace è motivata anche da una possibilità che utilizzo con grande profitto, in quanto specialista nella materia. Come preannunciato la NeuroRiflessoTerapia, infatti, può avvalersi facilmente del valore aggiunto offerto dal Counseling Floriterapeutico che agisce soprattutto sugli aspetti esistenziali e relazionali, dall’Omeopatia Omotossicologica e la Fitoterapia che contribuiscono alla disintossicazione, dalla Nutraceutica che offre energia e rivitalizzazione, dalla Psicoprobiotica che ripristina una corretta flora microbiotica nel “cervello” intestinale.

Come si svolge una seduta di Neuroriflessoterapia

La prima visita, della durata di circa una ora e mezza, è dedicata all’ascolto attivo della storia esistenziale e clinica della persona; si comincia cioè a esplorare e osservare il suo “universo”, a cogliere e gerarchizzare le sue problematiche e a registrare le metafore da lui utilizzate per descriverle; spesso si fa una prima prescrizione di rimedi naturali e, se c’è bisogno, si indicato esami di laboratorio e/o strumentali.
Nelle visite successive, anch’esse della durata di un ora e mezza, si dedicano i primi 15 minuti a una fase colloquiale. Un’ora circa è dedicata alla ricerca dei punti dolorosi e sopratutto all’applicazione su di essi degli stimoli riflessogeni; durante questa fase, in cui la persona è stesa sul lettino, si fa anche tesoro delle sue comunicazioni spontanee o da me sollecitate. Infine gli ultimi 15 minuti sono utilizzati per commentare insieme la seduta, fare un punto della situazione generale e fornire eventuali prescrizioni e indicazioni.

Conclusioni sulla Neuroriflessoterapia

La NeuroRiflessoTerapia personalizzata è, in ultima analisi una cura medica veloce, efficace, ampia e duratura poiché, altamente personalizzata, ingegnosa, flessibile, creativa, olistica, naturale, ecologica, economica e innocua; una cura dalle radici antiche ma che si avvale anche di tecniche ultra moderne; essendo, inoltre, sinergica e integrabile con altre discipline mediche è inseribile a pieno titolo nell’ampio ambito del Counseling Olistico e della Medicina Umanistica.

N.B. Per avere una informazione completa sulla NeuroRiflessoTerapia personalizzata si può consultare il sito www.neuroriflessoterapiaroma.it; per ricevere, inoltre, informazioni direttamente dal Dott. Michele Iannelli e parlare del proprio caso personale si può telefonare al 3386151031; lasciando un messaggio in segreteria telefonica si verrà ricontattati.

Dott. Michele Iannelli
Medico psicoterapeuta, specialista in psicologia clinica, omeopata e floriterapeuta.
Membro della Società Italiana per lo Studio delle Cefalee.

Via Pozzuoli 7  Studio interno B3 - 00182 ROMA (Metro San Giovanni) Telefono 3386151031 - Email: olopsi@libero.it

LA NEURORIFLESSOTERAPIA PERSONALIZZATA CON IL DOTTOR MICHELE IANNELLI ultima modifica: 2020-08-03T21:02:46+02:00 da Dott Michele Iannelli
Shares
Share This