Fortunati si diventa

Copertina del libro "Fortunati si diventa"Álex Rovira Celma e Fernando Trias de Bes, il primo spagnolo e il secondo catalano, sono due eclettici autori di romanzi e saggi.
Con molto piacere presento in quest’articolo il loro simpatico, breve e profondo saggio dal titolo “Fortunati si diventa”, edito in Italia dalla Sperling & Kupfer.

Alcuni anni fa fui intervistato da Rai Radio 2 e mi fu chiesto che cosa voleva dire secondo me prendersi cura di se stessi; io risposi, spiazzando positivamente i due conduttori della trasmissione, che prendersi cura di se stessi voleva dire innanzitutto assumersi la responsabilità della propria esistenza.
La simpatia e l’apprezzamento che ho per questo libro nasce proprio dalla forte risonanza con la risposta che diedi in quell’intervista.

Questo piccolo saggio, saggio anche nell’altro senso della parola, inizia con una fiaba che è narrata da un uomo a un amico: “Tanto tempo fa, in un regno lontano, Merlino convocò i cavalieri e disse loro: fra sette notti il Quadrifoglio Magico, la pianta che dona fortuna illimitata a chi la possiede, nascerà in qualche punto della Foresta Incantata. Chi accetta la sfida di andare a cercarlo?”
A partire dalla fiaba il libro arriva ad un insegnamento semplice ma profondissimo: i colpi di fortuna esistono, ma come arrivano così se ne vanno. Ciò che rimane, invece, è la Buona Fortuna che giorno per giorno ci costruiamo imparando a creare e cogliere le circostanze favorevoli che si presentano.
Si rivelano fulminanti per il loro potere evolutivo e salutogenetico le dieci regole riportate nel libro. Sono certo di fare del bene nel riportarle integralmente qui di seguito e nell’invitare tutti a leggerle con attenzione e con il cuore veramente disponibile.

quadrifoglio

PRIMA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

La fortuna non dura a lungo perché non dipende da te. La Buona Fortuna è creata da te e, per questo, dura per sempre.

SECONDA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

Molti sono coloro che vogliono avere la Buona Fortuna, ma pochi quelli che decidono di andare a cercarla.

TERZA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

Se ora non hai Buona Fortuna potrebbe essere dovuto al fatto che le circostanze sono quelle di sempre. Perché giunga la Buona Fortuna bisogna creare circostanze nuove.

QUARTA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

Preparare circostanze favorevoli alla Buona Fortuna non significa cercare soltanto il proprio vantaggio. Creare circostanze che diano vantaggi anche agli altri attira la Buona Fortuna

QUINTA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

Se rimandi a domani la creazione delle circostanze favorevoli, forse la Buona Fortuna non arriverà mai. Per creare le circostanze favorevoli ci vuole un primo passo … fallo oggi!

SESTA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

A volte anche in presenza delle circostanze apparentemente necessarie, forse la Buona Fortuna non si manifesta. Crea nei piccoli dettagli le circostanze apparentemente non necessarie, ma imprescindibili!

SETTIMA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

A chi crede soltanto nel caso creare opportunità sembra assurdo. Chi si dedica a creare opportunità non si preoccupa del caso.

OTTAVA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

Nessuno può vendere la fortuna e la Buona Fortuna Bisogna diffidare dei venditori di fortuna e Buona Fortuna.

NONA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

Quando avrai creato tutte le circostanze favorevoli abbi pazienza, non rinunciare. Abbi fiducia e la Buona Fortuna arriverà.

DECIMA REGOLA DELLA
 BUONA FORTUNA

Creare la Buona Fortuna significa predisporre le circostanze favorevoli per cogliere le opportunità. Ma le opportunità non dipendono dal caso: sono sempre a portata di mano.

Dott. Michele Iannelli

FORTUNATI SI DIVENTA. 10 SEMPLICI REGOLE PER LA BUONA FORTUNA. ultima modifica: 2018-08-24T16:58:41+00:00 da Dott Michele Iannelli
Shares
Share This